La lavorazione della frutta dalla tradizione alla tecnologia

Lavorazione della frutta artigianale

La lavorazione della frutta fino a qualche decennio fa era realizzata esclusivamente a livello artigianale e casalingo, col passare del tempo la preparazione di marmellate e confetture è stata industrializzata, negli ultimi anni la tecnologia ha aiutato moltissimo questo comparto e lo ha sospinto verso traguardi di produzione elevati e di alto profilo; oggi sono in commercio centinaia di marmellate e confetture di vario tipo dedicate a ogni tipo di necessità, gusto, esigenza, vi sono le marmellate senza zucchero, le marmellate senza glutine, le marmellate realizzate con frutti esotici e con ingredienti rari, ma non per questo le casalinghe hanno smesso di produrre la marmellata in casa.

La marmellata stagionale

Ogni anno decine di donne si dedicano a questa attività dolce e economica,  fare la marmellata in casa forse non costa meno di quella comperata nei negozi, ma da grandi soddisfazioni, e si possono fare delle scorte per tutto l’inverno quando la frutta fresca scarseggia;  Il realizzare della buona marmellata con i metodi tradizionali e casalinghi però richiede un minimo di attrezzatura e di organizzazione; oltre che gli ingredienti principali che sono la frutta lo zucchero; occorre anche studiare bene le varie ricette per dosare ed equilibrare i sapori in base alla frutta che viene scelta per produrre marmellata,  oltre che essere necessaria una vasta conoscenza sui metodi di conservazione.

Metodologie e differenze di prodotto

Le metodologie per fare marmellata artigianale ovvero realizzata handmade sono diverse; e diversi sono i prodotti ottenuti; per chi non lo sapesse c’è una grande differenza tra marmellata e confettura: la marmellata generalmente è ottenuta dalla lavorazione di frutta il cui 70% sono agrumi, mentre la confettura è realizzata con tutti gli altri tipi di frutti. Per chi desidera cimentarsi nella produzione di marmellata o confettura può trovare tutta l’attrezzatura per frutta su agristorecosenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *